.
Annunci online

keshya
... quando tutte le parole sai che non ti servon più ...


Diario


29 gennaio 2006

[Cose mie] - Equilibrio ed altalena

L’altalena inizia a starmi stretta. L’equilibrio, il mio, è sempre più precario. E vorrei chiudere gli occhi e sentire il vento in  faccia. Ridere come quando ero bambina. Ridere di spensieratezza e di gioia. Vorrei buttarmi a terra e sporcarmi di erba. E sento crescere sempre di più il desiderio di mollare tutto. Di andarmene altrove a ricostruire una nuova vita. Che questa, oggi, la sento stretta. E l’altalena scricchiola pure. Guardo in aria. Respiro freddo. Respiro me. Che dico sempre che questa vita in realtà mi basta. Che mi accontento di poco io. Che mi basta andare di notte in camera di mia madre e sentirla respirare per stare tranquilla. Equilibrio tremendamente precario. Ed ero veramente convinta che mi bastasse tutto questo. Ma poi mi accorgo che non riesco a guardarmi allo specchio. Non riesco ad accettare quello che medici e stress hanno fatto di me e del mio corpo. Ma sono la prima a dire “basta scrollare le spalle, lisa”. Lo so. Sorridere e via. Nuovo giorno, nuove ore da riempire. Ma oggi no, voglio stare così. Voglio starmene per terra al buio della mia camera ad osservare da fuori questa altalena. Coccolare il mio umore. Chiudo gli occhi solo per un’ istante. Per nascondere le lacrime e le ferite. Perché la vita ti sorride se tu le sorridi. Lo so. Ma oggi mi nascondo un po’ qui. Scusate lo sfogo. Scusate, chiedo perdono.




permalink | inviato da il 29/1/2006 alle 15:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Musica
Libri
Film
Cose mie
Cose d'altri
Molecolando
K&N

VAI A VEDERE

IO M'IMPICCIO
Terra dei Papaveri
Molecularlab
Ansa
Cosmopolitan
Al femminile
Tibur Gospel Singers



"Piangi, medita e vivi.
Un dì lontano, quando sarai
del tuo futuro in vetta,
questo fiero uragano ti parrà nuvoletta."
A. Boito


 




#Nome : Annalisa
#Nomignolo: keshya, lisa, kes, kessa, e chi più ne ha più ne metta
#Altezza: .. quella giusta per stare in prima fila!
#Peso: ... what's meaning peso?
#Occhi: verdi.. ripresi da mammà
#Segni particolari: una minuscola voglia di caffè vicino al gomito sinistro.. e naturalmente evidenti segni di pazzia!
#Animali domestici: uno.. un fratello.. che basta e avanza!
#Anelli: due.. uno al pollice uno all'anulare destro...
















# una bottiglia di peroncino
# un carillon a forma di pianoforte
# libri, sempre, tanti
# una luce a forma di stella
# la mia sveglia a dondolo
 






 







 


# il caos, solo e soltanto quello.. borse, vestiti, cappelli, camice.. e una marea di altre cose, ma non chiedetemi di aprilo che ho paura crolli tutto!!!











 





# un solo e piccolo neurone che non ce la fa proprio a far tutto da solo e più volte mi ha denunciato per danni...








e poi c'era la marmotta...

Se sei triste, ti manca l'allegria, caccia fuori la malinconia, vieni con me,ti insegnerò la canzone della felicità! Bo bom bo bom Batti le ali, muovi le antenne, dammi le tue zampine vola di qua e vola di la... è la canzone della felicità! Bo  bom bo bom









 



Se ogni tanto ti senti frustrato, inutile, offeso e depresso, ricorda  che una volta sei stato il più veloce e vittorioso spermatozoo del tuo gruppo!
(Raffaele Mangano)








 














 





la tool è opera di questo genietto qui ;) 

CERCA