.
Annunci online

keshya
... quando tutte le parole sai che non ti servon più ...


Diario


30 dicembre 2005

Auguri!!!

Indovinami, indovino
tu che leggi nel destino:
l'anno nuovo come sarà?
bello, brutto o metà e metà?

"Trovo stampato nei miei libroni
che avrà di certo quattro stagioni,
dodici mesi, ciascuno al suo posto,
un carnevale e un ferragosto,
il giorno dopo il lunedì
sarà sempre un martedì.

Di più per ora scritto non trovo
nel destino dell'anno nuovo:
per il resto anche quest'anno
sarà come gli uomini lo faranno."

(Gianni Rodari)

Tanti auguri di una scoppiettante e divertente fine d'anno e di uno strepitoso inizio!!!!

Ps: lo so, lo so, sono in anticipo, ma almeno così non mi scordo di salutarvi e abbracciarvi tutti.. e poi domani con tutta la fretta che abbiamo chi si ricorda di passare per i blog?
una spettinata di capelli a tutti, belle e brutti!!!
;o)




permalink | inviato da il 30/12/2005 alle 16:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


30 dicembre 2005

Prelevando via web...

Chi mi legge da un pò sà perfettamente che spulciando nel web ogni tanto vi propongo qualcosa...
...stamattina ho letto una poesia "Sorridi alla vita"  nel blog di james morrison... mi piace.. bella.. lascia senza parole.. davvero..




permalink | inviato da il 30/12/2005 alle 15:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


30 dicembre 2005

Contando...

Manca poco alla fine dell’anno. E io odio fare i conti. Perché non sto mai pari. Perché mi manca sempre qualcosa. A volte mi dicono che sono la solita insoddisfatta. A volte mi dicono che meriterei di più. Va a capire chi ha ragione. E odio fare anche la lista dei buoni propositi. Quella lista che troppe volte mi sbatterebbe in faccia la mia incapacità di portare a termine i progetti. E’ così. E non sono dura con me stessa, credetemi. La mia vita è un imprevisto continuo. Stare a contatto con me di certo non porta ad annoiarsi. Avevo mille progetti per l’anno trascorso. Non ne ho realizzato uno. Ma avrò portato a termine un altro migliaio di cose, che nella mia mente proprio non potevano albergare. Il mio neurone neanche ubriaco poteva mai immaginarsi certe cose. Eppure è così. E non mi lamento, davvero. A me piace. Perché poi arriva il momento in cui siedo a terra, stanca, e mi metto a ridere. Sono proprio buffa mentre mi affanno a concludere la giornata. E’ così che voglio concludere l’anno e iniziarne un altro. Con un sorriso. Perché i sorrisi non sono mai troppi. Perché sorridere mi aiuta a saltare gli ostacoli. Perché sto bene.




permalink | inviato da il 30/12/2005 alle 12:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


29 dicembre 2005

Coccolandomi

C'è una strada piccola,
affannosa e ripida che mi porta fino a te
io vorrei percorrerla e senza rischi inutili,
arrivare fino a te
fino all'amore, dal cuore in poi
che effetto mi fa
dolcezza e poi malinconia,
che forza mi dà
non vorrei mai perdermi, vorrebbe dire perdere
vado in fondo fino a te
io cammino senza sole per arrivare a luce piena

fino in fondo, fino a te
fino all'amore, nei suoi perché; nei suoi non covo
e lì; lacrime se tu vai via, mi porti con te

se c'è; un posto per me in quel cuore affollato
se c'è un posto lo tieni per me

ma senza male l'amore così;
dolcezza e poi malinconia, che forza mi dà;
fino all'amore, nei suoi perché nei suoi non covo
e lacrime se tu vai via, mi porti con te,
fate dei bei sogni.

( Fino all'amore - Biagio Antonacci)




permalink | inviato da il 29/12/2005 alle 1:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


28 dicembre 2005

Teorie

e' un pò lunghetta come teoria lo ammetto, ma credetemi vale la pena leggerla! ^_^

Babbo Natale

Si lo so che tramite catene virtuali e newsletter varie da un paio d'anni vi hanno informato tramite questo testo che Babbo Natale non esiste:
Teoria sull'inesistenza di Babbo Natale:

 

Nessuna specie conosciuta di renna può volare. Ci sono però 300.000 specie di organismi viventi ancora da classificare e, anche se la maggioranza di questi organismi è rappresentata da insetti e germi, questo non esclude completamente l'esistenza di renne volanti, che solo Babbo Natale pare avere visto.

Ci sono due miliardi di bambini (sotto i 18 anni) al mondo. Dato però che Babbo Natale non tratta con bambini Musulmani, Hindù , Buddisti e Giudei, questo riduce il carico di lavoro al 15% del totale, cioè circa 378 milioni. Con una media di 3,5 bambini per famiglia, si ha un totale di 98,1 milioni di locazioni. Si può presumere che ci sia almeno un bambino buono per famiglia. Babbo Natale ha 31 ore lavorative, grazie ai fusi orari e alla rotazione della terra, assumendo che viaggi da Est verso Ovest. Questo porta ad un calcolo di 822,6 visite per secondo. Questo significa che, per ogni famiglia Cristiana con almeno un bambino buono, Babbo Natale ha circa un millesimo di secondo per :

trovare parcheggio (cosa semplice, dato che può parcheggiare sul tetto e non ha problemi di divieti di sosta).

saltare giù dalla slitta.

scendere dal camino.

riempire le calze.

distribuire il resto dei doni sotto l'albero di Natale.

mangiare ciò che i bambini mettono a sua disposizione.

risalire dal camino.

saltare sulla slitta.

decollare per la successiva destinazione.

Assumendo che le abitazioni siano distribuite uniformemente (cosa che sappiamo non essere vera, ma che assumiamo vera per amore di calcolo), stiamo parlando di 1.248 Km per ogni fermata, per un viaggio totale di 120 milioni di Km. Questo implica che la slitta di Babbo Natale viaggia a circa 1040 Km/sec, ossia a 3000 volte la velocità del suono. Per comparazione, la sonda spaziale Ulisse (il veicolo più veloce creato dall'uomo) viaggia appena a 43,84 Km/sec, e una renna media a circa 30 Km/h.

Il carico della slitta aggiunge un altro interessante elemento: assumendo che ogni bambino riceva una scatola media di Lego del peso di circa 1 Kg, la slitta porta circa 378.000 tonnellate, escludendo Babbo Natale (notoriamente sovrappeso).
Sulla terra, una renna può esercitare una forza di trazione di circa 150 Kg. Anche assumendo che una "renna volante" possa trainare 10 volte tanto, non è possibile muovere quella slitta con 8 o 9 renne, ma ne serviranno circa 214.000. Questo porta il peso, senza contare la slitta, a 575.620 tonnellate. Per comparazione, questo è circa 4 volte il peso della nave Queen Elizabeth II. Sicuramente, 575.620 tonnellate che viaggiano alla velocità di 1040 Km/sec generano un'enorme resistenza. Questa resistenza riscalderà le renne allo stesso modo di una astronave che rientra nell'atmosfera. Il paio di renne di testa assorbirà 14,3 quintilioni di Joule per secondo.In breve: si volatilizzeranno praticamente all'istante esponendo le renne alle loro spalle; creando, inoltre, un assordante "BANG" supersonico nella loro scia. L'intero gruppo di renne verrà vaporizzato in 4,26 millesimi di secondo. Babbo Natale, nel frattempo, sarà soggetto a forze centrifughe pari a 17.500,06 volte la forza di gravità. Un Babbo Natale di 250 libbre (113 kg) (calcolo che lo fa sembrare comicamente magro) sarebbe inchiodato al fondo della slitta da una forza di 4.315.015 libbre (1.957.420 kg).
CONCLUSIONE: se Babbo Natale ha mai tentato di consegnare regali alla vigilia di Natale, ora è morto.

Ma non fatevi ingannare è solo una campagna di disinformazione atta a destabilizzare l'atmosfera felice del Natale e ne ho le prove:

Controteoria (basata sulla meccanica classica):

Effettivamente, se teniamo conto che la velocità della luce è c=300.000km/s, Babbo Natale viaggia ad appena 1/300 di c, dunque e' ancora lontano dallo sperimentare fenomeni relativistici significativi, per i quali bisogna viaggiare ad almeno c/10.

Restiamo dunque all'interno della meccanica classica, quindi i timori per la sorte di Babbo Natale mi sembrano eccessivi. Mi pare poi che ci sia un piccolo errore nel calcolo dell'energia necessaria per il movimento delle renne senza slitta (la cui massa a questo punto diventa quasi trascurabile) che dovrebbe essere dell'ordine di 311 milioni di terajoules.

Inoltre in tempo di ecumenismo le visite sembra che siano state ampliate anche a molti bambini prima esclusi, cosa che gli ha procurato un inopinato aumento della mole di lavoro (alla faccia delle 35 ore di Bertinotti). Per pura cautela supponiamo che i bambini visitati siano almeno il doppio e dunque il tragitto medio tra una fermata e l'altra è ridotto a mezzo millisecondo. Dunque tenendo conto dell'accelerazione e della decelerazione il tempo effettivo durante il quale Babbo Natale viaggia a 1040 km/s è troppo breve per influire sulla salute delle renne e del medesimo. Io sarei invece molto più preoccupato delle continue sollecitazioni dovute alla accelerazione/decelerazione che possono influire negativamente sulla struttura biologica delle renne, con il verificarsi del noto fenomeno che avviene nella zona pre-relativistica: il brain-hole. Ossia il cervello schizza fuori dal sedere della renna. Mi pare inoltre che dovremmo essere assai preoccupati anche per il carico della slitta che subisce il noto trattamento IHMT (Italian Human Mail Treatment) in cui i pacchi più delicati vengono sbatacchiati assai fortemente, soprattutto se recano la strana scritta FRAGILE. Questo spiega però la scontentezza degli utenti che si servono della ditta Santa Claus che recapita spesso i regali alquanto acciaccati. Il problema dei bang sonici provocati dalle onde d'urto in atmosfera sono state risolte ecologicamente dal fornitore di slitte di Babbo Natale (si sa che nei paesi nordici ci tengono molto alla qualità dell'ambiente) con l'applicazione di un assorbitore di onde d'urto tramite un sistema di pompe elettromagnetiche che convertono l'energia sonora in energia di spinta per migliorare le prestazioni in accelerazione. Naturalmente l'accrocchio viene gestito da un Power Mac !!!!!. Il guaio e' che il sistema introduce un ulteriore incremento di massa pari ad almeno 1/5 del totale, cosa che porta ad un ulteriore incremento di richiesta energetica. Questo spiega chiaramente il fenomeno ormai diffuso della sparizione del carbone tra i regali lasciati da Babbo Natale. Ormai ha dovuto raschiare tutto quanto era disponibile per produrre energia. Ergo: Babbo Natale c'è ancora, ma ha la vita molto dura!!!!!

e non solo:

Controteoria (basata sulla meccanica relativistica):

La dimostrazione dell'inesistenza di Babbo Natale è tutta fondata sui precetti della meccanica classica, non tenendo conto dei seguenti effetti:

relatività speciale: l'elevata velocità espressa dal mezzo slitta+renne+BabboNatale comporta una dilatazione del tempo a disposizione.

relatività generale: la massa inerziale (notoriamente elevata) di Babbo Natale più slitta con regali (le cui considerazioni quantitative sono valide in assoluto) comporta una deformazione dello spazio-tempo in un intorno di Babbo Natale, che invalida (si vedano i calcoli di Minkowsky) le considerazioni energetiche effettuate.

i ritardi postali: questi comportano sicuramente una diminuzione delle richieste pervenute, con conseguente diminuzione del payload della slitta.

L'ipotesi che le renne volanti siano completamente costituite da antimateria, risolverebbe i seguenti punti fondamentali:

Spiegherebbe una volta per tutte l'eccesso di materia che ha comportato l'esistenza dell'Universo attuale e che le più recenti teorie sul Big-Bang non riescono a spiegare sufficientemente.

Darebbe conto della notevole quantità di energia necessaria al tragitto in un tempo limitato in tutto il mondo (nell'assunto che almeno una renna per ogni Natale si annichilisca).

Se assumiamo che Babbo Natale si muova costantemente all'interno di una "lente gravitazionale" spieghiamo anche come mai non lo si vede mai.

Il vestito di Babbo Natale è rosso a causa del Red Shift. Dimostrazione che egli effettivamente si muove a velocità elevate.

Pervengo quindi alla conclusione che Babbo Natale ESISTE!!!




permalink | inviato da il 28/12/2005 alle 16:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


24 dicembre 2005

Filastrocca Natalizia

Ho ritrovato un mio vecchio quaderno di quando ero ancora una bimba buona e innocente.. ci sono scritte alcune filastrocche. Una, eccola:

Lo conoscete il vecchio barbuto,
rosso il vestito di spesso velluto,
rosso il cappuccio, la grossa cintura
fatta di lucida pelle assai scura?

Bianca la barba, lieto, bonario,
solo per un giorno del calendario
gira portando dolci e balocchi
sotto la neve che scende a fiocchi.

Voi lo sapete chi è quel tale
col sacco in spalla?... Babbo Natale!

(Babbo Natale - sorelle De Benedetti)

Ancora auguri...




permalink | inviato da il 24/12/2005 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5  >>   gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Musica
Libri
Film
Cose mie
Cose d'altri
Molecolando
K&N

VAI A VEDERE

IO M'IMPICCIO
Terra dei Papaveri
Molecularlab
Ansa
Cosmopolitan
Al femminile
Tibur Gospel Singers



"Piangi, medita e vivi.
Un dì lontano, quando sarai
del tuo futuro in vetta,
questo fiero uragano ti parrà nuvoletta."
A. Boito


 




#Nome : Annalisa
#Nomignolo: keshya, lisa, kes, kessa, e chi più ne ha più ne metta
#Altezza: .. quella giusta per stare in prima fila!
#Peso: ... what's meaning peso?
#Occhi: verdi.. ripresi da mammà
#Segni particolari: una minuscola voglia di caffè vicino al gomito sinistro.. e naturalmente evidenti segni di pazzia!
#Animali domestici: uno.. un fratello.. che basta e avanza!
#Anelli: due.. uno al pollice uno all'anulare destro...
















# una bottiglia di peroncino
# un carillon a forma di pianoforte
# libri, sempre, tanti
# una luce a forma di stella
# la mia sveglia a dondolo
 






 







 


# il caos, solo e soltanto quello.. borse, vestiti, cappelli, camice.. e una marea di altre cose, ma non chiedetemi di aprilo che ho paura crolli tutto!!!











 





# un solo e piccolo neurone che non ce la fa proprio a far tutto da solo e più volte mi ha denunciato per danni...








e poi c'era la marmotta...

Se sei triste, ti manca l'allegria, caccia fuori la malinconia, vieni con me,ti insegnerò la canzone della felicità! Bo bom bo bom Batti le ali, muovi le antenne, dammi le tue zampine vola di qua e vola di la... è la canzone della felicità! Bo  bom bo bom









 



Se ogni tanto ti senti frustrato, inutile, offeso e depresso, ricorda  che una volta sei stato il più veloce e vittorioso spermatozoo del tuo gruppo!
(Raffaele Mangano)








 














 





la tool è opera di questo genietto qui ;) 

CERCA